L’albero che nacque sul mare

ANno

2019

Autore

LevanteDrones

Volevamo scrivere una storia per la Sestri che Fu, e invece è nata una storia della Sestri che è.

Questo è un albero che prende vita, assorbe la linfa con le sue radici dalla battigia e poi dal mare. Quindi nasce da uno spazio di confine, da una linea che è un inizio e una fine. Un confine incerto e mutevole come è il mare quando incontra la terra.

L’albero protende i suoi rami verso il paesaggio circostante, puntando alla Biblioteca del Mare, un luogo che col suo sapere permette a noi proprio di indagare le tante linee di confine di cui è composta la nostra vita.
Questo albero è il frutto di un lavoro in spiaggia a conclusione del percorso dei PON didattici di questi mesi. L’installazione collettiva voleva essere un momento di condivisone con la città, con i curiosi, con i passanti. La cosa straordinaria è che la realizzazione di questo lavoro a tante mani è durata quindici giorni. Quindici giorni in cui oltre all’albero si è realizzata davvero questa condivisione: le persone hanno guardato il lavoro che cresceva, lo hanno rispettato, senza danneggiarlo.

Pensate a quanto potesse essere facile distruggerlo. La bellezza è sempre qualcosa di fragile. Ma è proprio il condividere la bellezza a darle forza. Mentre l’albero fatto di sassi e segni sulla sabbia cresceva, cresceva intorno ad esso una sorta di comunità, precaria forse, ma gioiosa.

L’albero è stato generato dalla collaborazione di tante classi di bambini di diverse età. I grandi hanno pensato il disegno, ma i piccoli si sono occupati delle radici che vanno verso il mare, donando quel tocco di leggerezza nei movimenti incerti, ma vitali.

I moduli didattici del PON sono stati progettati da Alfredo Gioventù, seguiti da Daniela Mangini come docenti, dalle insegnanti Donatella Cadorin, Cinzia Sivori, Elisa scarfi, Alida Grasso, Mariella Paradiso e Enrica Boccoleri come tutor. Le radici sono state realizzate durante un laboratorio didattico realizzato da Daniela Mangini per la scuola dell’infanzia sorelle Berisso di Casarza Ligure.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dicci la tua: lascia un commento

Altre foto che potrebbero interessarti