Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Genova, con numero 6/2018 – Direzione editoriale di Mediaterraneo Servizi

Sabine

ANno

1955

Autore

Hans Schmid

Qualche tempo fa, avevo raccontato la storia delle foto di Riva che alcuni turisti tedeschi passando dal MuSel avevano voluto regalare alla città. Foto particolari, alcune, eccezionali, fatte poco prima dell’ultima guerra.

È successo che il MuSel invia l’articolo ai nostri protagonisti ad Heidi e Andreas Schmid e loro ci hanno ringraziato con qualche foto e una storia.

La mamma di Andreas si chiama Sabine Schmid. I suoi genitori Hans e Gertrud Geiges vennero a Riva per la prima volta in campeggio nel 1938, insieme alla sorella di Hans, Gretel e suo marito Kurt Wallischek, che parlava un po’ d’italiano. Gli altri conoscevano un pò di latino e francese ed erano disposti a comunicare con le mani e i piedi (sic dixit).

Kurt Wallischek era medico, aveva stretto amicizia con il proprietario di una trattoria a Riva (Ernesto? sua moglie si chiamava forse Vittoria) ed era chiamato “Dottore Walli” dagli abitanti di Riva. Hans Geiges era un architetto, la stragrande maggioranza delle foto inviate sono state realizzate proprio da lui.

Nell’estate del 1939 il piccolo gruppo di turisti tornò a Riva, ora Sabine, la figlia maggiore di Hans e Gertrud, era lì, così come il padre di Hans e Gretel. Sabine aveva 4 anni, era una piccola bambina bionda. Ricorda un pescatore, Tomasio, un giovane che le regalò un piccolo ciondolo con una Madonna. Ricorda che c’era un solo rubinetto su tutta la spiaggia per pescatori, marinai, lavoratori e turisti. Sabine restò colpita particolarmente dalle donne vestite di nero che lavavano i loro panni nel piccolo fiume e poi li asciugavano e sbiancavano sulle pietre al sole. Gertrud raccontava spesso come ci si sedeva tutti insieme e si cantava con i Rivani alla sera. Lei ricordava lunghe canzoni popolari, ma poi si scoprì che erano le hit italiane più famose dell’epoca. Evidentemente la radio funzionava.

Poi cominciò la seconda guerra mondiale. Tutto finì.

Nel 1955 alla famiglia tornò il desidero di Riva. Hans e Gertrud Geiges vennero in campeggio a Riva con i figli Sabine, Martin, Monika e Bärbel. Sabine fece amicizia con Maria Rosa, il cui marito all’epoca era un pescatore, che aveva 5 figli. Sabine racconta di come si sedeva con i pescatori sulla spiaggia a riparare le reti.

Nel 1959 Sabine tornò di nuovo a Riva con i suoi genitori. A quel tempo era già sposata con Adolf Schmid, il papà di Andreas. Con lui è tornata un’ultima volta negli anni ottanta. Il paese era cambiato, anche loro.
Infine qualche anno fa Andreas e Heidi sono venuti al MuSel ed è iniziata la narrazione di questa storia. Un’ultima cosa, nella mail prima di salutare scrivono:
La gentile email di Sestri Levante ha riportato in vita tante belle impressioni in Sabine, vi saluta molto calorosamente.

Nella foto Sabine siede nella penultima fila al centro, Heidi Schmid siede a destra sopra, Andreas Schmid in prima fila al centro.



Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dicci la tua: lascia un commento

Altre foto che potrebbero interessarti